HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

Si trova all’incrocio tra la via Flaminia e la Campana
L’Osteria di Castelnuovo di Porto
 


A circa 20 miglia da Roma, all’incrocio tra la via Flaminia e la Campana, c’è un sobrio edificio con tetto a due spioventi e un portico con ampie arcate al pianterreno, oggi adibito a elegante casa di abitazione: è la vecchia Stazione di Posta di Castelnuovo di Porto, sorta dove già nell’antichità doveva essere una statio dove i viaggiatori potevano rifocillarsi e cambiare i cavalli. Non si sa di preciso a quando risalga, ma doveva già esistere nel 1580, come testimonia la lapide murata sulla facciata che ricorda il restauro della Flaminia promosso sotto Gregorio XIII da Clarice Anguillara Colonna. La nobildonna era proprietaria del feudo, nel 1581 passato alla Camera Apostolica, che lo dava in appalto per periodi di nove anni.
Alla Stazione si fermò nel 1668 il Vescovo di Tivoli, monsignor Galeazzo Marescotti (1636 – 1726), diretto a Varsavia, dove era stato inviato in qualità di nunzio apostolico. Come raccontò nella precisa relazione stilata al rientro in patria, indossando per tutto il viaggio un abito corto nero di sottanella e ferraiola, aveva lasciato Roma prendendo la via Flaminia. La prima tappa l’aveva fatta a sette miglia da Porta del Popolo, a Prima Porta. Quindi si era fermato all’Osteria della Posta di Castelnuovo in attesa del cambio dei cavalli. Nel Settecento veniva ormai chiamata Osteria, ma era anche detta Insegna del Pavone. Aveva quattro stanze, una sala al pianterreno e due camere sopra i portici. C’erano poi la cucina, la stanza dell’ordinario e un ambiente dove era custodita la legna. La cantina si trovava nel sotterraneo. Di fianco c’erano la selleria e la stalla.
Tra gli illustri viaggiatori che vi si fermarono non si possono dimenticare Michel de Montaigne, George Gordon Byron e Percy Bysshe Shelley. Nel 1864 fu la volta di un altro poeta inglese, Robert Browning, che raccolse dall’albergatore della posta il racconto della sventurata storia d’amore tra un giovane prelato, un Capizucchi, e la romana Pompilia, maritata a un nobile aretino. Il poeta ebbe modo di verificare la storia negli atti processuali conservati nell’Archivio Vaticano. I due amanti erano fuggiti da Arezzo e si erano rifugiati nell’Osteria della Posta, dove furono però sorpresi. Il Capizucchi dovette ritirarsi in clausura e la povera Pompilia fu condotta a Roma, dove trovò la morte.
Nell’Ottocento l’Osteria della Posta non era frequentata solo dai viaggiatori, ma anche dagli abitanti del luogo, che vi si recavano per piacevoli merende, innaffiate di certo dal buon vino locale.

 

di Cinzia Dal Maso
15 gennaio 201
5
© Riproduzione Riservata

 

 


CONCORSO LETTERARIO:
LA MIA ROMA - I EDIZIONE

 


Riflessioni su
Pier Paolo Pasolini

Roma

Città del Vaticano (RM)

www.vaticanstate.va

 

 

CENTRO DI PSICOTERAPIA
dott.ssa Mariolina Palumbo

PAGINA FACEBOOK
"Specchio Romano"

GARIBALDINI PER L'ITALIA

RISORGIMENTO ITALIANO

 

LETTERE AL DIRETTORE

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti