HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

E’ vicino a piazza Navona, in via del Governo Vecchio

L’ultima dimora romana di Mazzini

 

 

Dopo la caduta della Repubblica romana, Giuseppe Mazzini si preparava a lasciare Roma. La sera del 13 luglio consegnava a un ufficio di corriera a piazza Navona una lettera alla madre Maria per avvertirla della sua imminente partenza. “La meta non mi è ancora precisa, oramai non è più possibile rimanere”, le spiegava. “Dei Francesi non ho voglia di parlare... Lo stato d’assedio è assai duro, a casa alle nove e mezza, disarmamento, Commissioni militari, arresti... nessuna persona onesta vuole servirli”.

Certo doveva sentirsi in pericolo, era costretto a nascondersi. Dall’11 al 13 luglio aveva trovato rifugio presso una fidata famiglia romana, quella dei Nani, in via del Governo Vecchio 84 (riprodotta in una vecchia figurina).

I Nani avevano ospitato nei giorni dell’assedio il colonnello Giacomo Medici, che continuava a dimorare presso di loro perché ancora convalescente dalle ferite riportate durante la difesa del Vascello.

La sera dell’11 luglio Mazzini arrivò molto tardi nel suo provvisorio rifugio, a dispetto del coprifuoco francese. Lo stavano aspettando con trepidazione - oltre ai padroni di casa e a Giacomo Medici - Gustavo Modena, sua moglie Giulia e il conte Giovanni Angelo Ossoli, marito di Margaret Fuller. Sulla tavola c’era un bel timballo di riso che rischiava di rovinarsi. Per fortuna non era successo nulla di grave: a quanto sembra Mazzini aveva tentato di recuperare il suo ultimo stipendio di triumviro, 725 lire che intendeva offrire a chi ne avesse bisogno. Il conte Ossoli, destinato a perire insieme con la moglie e il figlioletto nel naufragio del mercantile che avrebbe dovuto portarlo in America, consigliò con insistenza a Mazzini di abbandonare Roma al più presto. Sulla stessa lunghezza d’onda era anche Gustavo Modena. Il 12 luglio  Mazzini andò a trovare, all’ospedale del Quirinale, Nino Bixio, sulla via di guarigione. Quello stesso giorno scrisse una intensa lettera di commiato al popolo romano: “Roma è destinata dalla Provvidenza a compiere grandi cose per la salute dell’Italia e del mondo. La difesa di Roma ha iniziato queste  grandi cose e scritto la prima linea di un immenso poema che si compirà checché avvenga. I vostri padri, o Romani, furono grandi non tanto perché sapevano vincere, conquistare, quanto perché non disperavano mai nei rovesci. Per quanto avete di sacro, o cittadini, serbate incontaminata questa fede”.

Mazzini lasciò la città nel tardo pomeriggio del 14 luglio, insieme con il conte Ossoli e Giulia Modena, che aveva procurato una carrozza d’ambulanza. Prese l’Aurelia, in direzione di Civitavecchia e qui aspettò per un paio di giorni, nei pressi del porto, di potersi imbarcare.

 

di Cinzia Dal Maso
12 aprile 201
5
© Riproduzione Riservata

 

 


CONCORSO LETTERARIO:
LA MIA ROMA - I EDIZIONE

 


Riflessioni su
Pier Paolo Pasolini

Roma

Città del Vaticano (RM)

www.vaticanstate.va

 

 

CENTRO DI PSICOTERAPIA
dott.ssa Mariolina Palumbo

PAGINA FACEBOOK
"Specchio Romano"

GARIBALDINI PER L'ITALIA

RISORGIMENTO ITALIANO

 

LETTERE AL DIRETTORE

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti