HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

 

Riapre a Villa Torlonia il rifugio antiaereo del Duce
Alla scoperta del bunker di Mussolini
 

E’ stato finalmente riaperto al pubblico il bunker che Mussolini si era fatto costruire all’interno di Villa Torlonia, sulla via Nomentana. Si tratta di un rifugio antiaereo, forse il più grande d’Italia, scavato a una profondità di 6 metri e mezzo sotto il piazzale antistante il Casino Nobile. Ha pianta a croce con gallerie a sezione circolare protette da una copertura in cemento armato dallo spessore di quattro metri. Si tratta di un nuovo elemento che viene ad accrescere il fascino e l’importanza storica di questa splendida dimora nobile romana, voluta dal marchese Giovanni Torlonia, che nel 1797 aveva acquistato una tenuta già appartenuta ai Pamphilj e ai Colonna e ne aveva affidato la sistemazione a Giuseppe Valadier. L’architetto aveva modificato e ampliato l’edificio padronale, edificato le scuderie, rimaneggiato il Casino Abbati, inserito diverse fontane e organizzato il giardino in viali simmetrici convergenti verso i vari edifici. Per gli arredi della villa e degli altri edifici furono utilizzate opere d’arte acquistate o provenienti da scavi.
Un primo rinnovamento della villa si ebbe con Alessandro Torlonia, figlio di Giovanni, che ne incaricò nel 1832 Giovan Battista Caretti. Fu ampliato il casino Nobile, il Casino Abbati divenne il Casino dei Principi e le scuderie ricevettero un aspetto neogotico. Vennero edificate alcune piccole fabbriche a decoro del parco: l'Anfiteatro, il Caffehaus, i Falsi Ruderi, il Tempio di Saturno e la Tribuna con Fontana. Dopo il 1840 Quintiliano Raimondi (1794-1848) progettò un Teatro e una Aranciera mentre a Giuseppe Jappelli venne affidata la sistemazione dell'area a sud della Villa.
Agli inizi del Novecento, la villa ebbe nuova vita con Giovanni jr, nipote di Alessandro: all’interno del muro di cinta furono costruiti i villini Medioevale, Rosso e del Portiere. La Capanna Svizzera fu trasformata nella Casina delle Civette. Arriviamo così al 1925, quando la Villa fu offerta come residenza a Mussolini, che fino al 1943 alloggiò nel Palazzo, utilizzando il Villino Medievale e la Limonia per la proiezione di filmati, feste e incontri culturali e il Campo da Tornei come campo da tennis. Il Parco non subì particolari interventi, tranne gli orti di guerra voluti dalla moglie del Duce. Nel giugno del 1944 tutto il complesso fu occupato dalle truppe del comando anglo - americano che vi rimasero fino al 1947, causando considerevoli danni; quando i Torlonia ne tornarono in possesso provvidero solo a qualche intervento di recupero.
Nel 1977 la Villa è stata espropriata dal Comune di Roma e dal 1978 è aperta al pubblico. I recenti restauri l’hanno restituita a romani e turisti.
 

di Alessandro Venditti
23 ottobre 2014

© Riproduzione Riservata

 


CONCORSO LETTERARIO:
LA MIA ROMA - I EDIZIONE

 


Riflessioni su
Pier Paolo Pasolini

Roma

Città del Vaticano (RM)

www.vaticanstate.va

 

 

CENTRO DI PSICOTERAPIA
dott.ssa Mariolina Palumbo

PAGINA FACEBOOK
"Specchio Romano"

GARIBALDINI PER L'ITALIA

RISORGIMENTO ITALIANO

 

LETTERE AL DIRETTORE

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti