HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

 

Mostra dell’artista turca Yıldız  Doyran

La natura come opera d’arte

 

 

La natura è un’opera d’arte: questo è il tema conduttore delle opere della pittrice turca Yıldız  Doyran, in mostra fino al prossimo 7 febbraio – con ingresso gratuito - presso lo spazio espositivo dell’Ufficio Cultura e Informazioni della Ambasciata   di   Turchia  a Roma, in  Piazza della   Repubblica  55-56.

“Slancio  Vitale”, questo è il titolo dell’esposizione, oltre a  essere   un   modello   di   incontro  tra filosofia e arte nel processo  di  autoformazione  dell’uomo,  rappresenta  anche  un  esempio  di  armonia tematica  e  tecnica.  Lo stesso concetto “slancio vitale” ci riporta  al  tema  principale  della  filosofia  di Bergson, che vede alla base dell’esistenza una forza creativa e indipendente che   produce continuamente  nuove   forme, senza essere  soggetto ad   alcun meccanismo e  determinismo.  Il  desiderio  e  l’energia  della  creazione sono  comuni  all’uomo  e  all’universo.  Per  tale  ragione,  l’uomo  non  è solo testimone  del  processo  creativo ed  evolutivo,  ma  ne  è  anche il prosecutore attraverso le proprie opere.

Le tematiche predilette dall’artista sono gli  spaccati  di  natura  che,  però,  tendono a mostrano  la  struttura stratiforme  dell’esistenza,  composta  da  piani  di  vita  e  di  spiritualità. “L’artista nelle sue opere – spiega il   prof. ass. Levent Bayraktar - fa riecheggiare la totalità di questi piani. Chiaramente visibili sono la struttura multistrato delle immagini e il fatto che ogni piano prepari il campo per quello successivo. Così come la vitalità  sorge  passando  da  tutti  questi  strati,  così  anche  le  linee  principali  dell’immagine  sorgono  superando   tutti   quelli.   Doyran,   nel   far   percepire  nella   sua   opera  tutto   tale   processo   allo   spettatore,   lo ingloba in esso, trasformandolo e formandolo al contempo”.

 I canneti che tornano più volte nelle opere dell’artista sono un’immagine dello slancio vitale verso la libertà,  una vitalità che supera le barriere della comune esistenza. L’acqua da cui le canne si innalzano può essere intesa come simbolo dell’essere e del cambiamento: si rinnova ogni istante eppure rimane comunque acqua

”Nel    guardare    con   occhi   attenti   le   opere  di Yıldız  Doyran – spiega -  si  vedranno    prima    di  tutto  la   coerenza   e l’unitarietà  tra  il  tema  e  la  tecnica.  Contemporaneamente  tale  unitarietà  riflette  anche  l’armonia  e  la comunicazione tra l’universo e l’uomo”.

 

di Alessandro Venditti
16 gennaio 2014

© Riproduzione Riservata

 


CONCORSO LETTERARIO:
LA MIA ROMA - I EDIZIONE

 


Riflessioni su
Pier Paolo Pasolini

Roma

Città del Vaticano (RM)

www.vaticanstate.va

 

 

CENTRO DI PSICOTERAPIA
dott.ssa Mariolina Palumbo

PAGINA FACEBOOK
"Specchio Romano"

GARIBALDINI PER L'ITALIA

RISORGIMENTO ITALIANO

 

LETTERE AL DIRETTORE

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti