HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

 

 

 Grandi recuperi della Guardia di Finanza dal lago di Nemi
Al Vittoriano, sulle tracce di Caligola
 


Fino al 22 giugno il Complesso del Vittoriano ospita “Sulle tracce di Caligola. Storie di grandi recuperi della Guardia di Finanza al lago di Nemi”. L’evento, che nasce sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, è promosso dal Nucleo di Polizia Tributaria Roma e dal Gruppo Tutela Patrimonio Archeologico della Guardia di Finanza, in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo. In mostra è possibile ammirare una colossale statua identificabile con un’immagine del’imperatore Caligola, rappresentato in trono come Zeus (inizi del I secolo d.C.).
L’opera è stata rocambolescamente recuperata a Fiumicino nel gennaio del 2011, mentre era in procinto di essere trafugata in territorio straniero. Il patrimonio artistico italiano è soggetto alla costante emorragia del mercato clandestino, perché i predatori dell’arte non si fermano di fronte a nessun ostacolo: scavano interi sepolcreti, saccheggiano contesti arcaici mai censiti, trafugano corredi funerari. La statua, in due frammenti, in marmo greco di Thasos, rappresenta una figura maschile giovanile, ammantata, seduta su un trono, di grandezza maggiore del vero, che analisi stilistiche e considerazioni sull’area di provenienza permettono di identificare con buona probabilità con l’imperatore Caligola. La figura indossa calzari aperti e un mantello che ricopre le gambe per lasciare nudo il busto e ricadere sulla spalla sinistra. I calzari possono solo genericamente inserirsi nel tipo delle caligae speculatoriae o leggere, calzate dagli esploratori. Secondo il biografo Svetonio, Caligola (che da esse traeva il suo nome) amava particolarmente indossarle. La statua e il trono dovevano essere policromi. Dopo il sequestro, la scultura è stata affidata a un team di restauratori, che l’hanno ricomposta nell’originaria foggia, riparando i danni provocati dall’attività di saccheggio, anche se gran parte del lato destro resta incompleta. Oltre alla monumentale scultura, in mostra è presentato per la prima volta al pubblico un gruppo di opere marmoree e bronzee recuperate dal mercato clandestino e legate alla figura di Caligola, in quanto provenienti dalle navi dell’imperatore, dalla sua villa sul lago di Nemi e dal santuario di Diana Aricina. Tra gli altri ritrovamenti, si annoverano un cratere marmoreo decorato con corsa di bighe della seconda metà del II secolo d.C., una statua marmorea di Apollo e una copia bronzea di cassetta con mano apotropaica (entrambe del II secolo d.C.) proveniente da una delle navi dell’Imperatore.
 

di Annalisa Venditti
18 Aprile 2014

© Riproduzione Riservata

 


CONCORSO LETTERARIO:
LA MIA ROMA - I EDIZIONE

 


Riflessioni su
Pier Paolo Pasolini

Roma

Città del Vaticano (RM)

www.vaticanstate.va

 

 

CENTRO DI PSICOTERAPIA
dott.ssa Mariolina Palumbo

PAGINA FACEBOOK
"Specchio Romano"

GARIBALDINI PER L'ITALIA

RISORGIMENTO ITALIANO

 

LETTERE AL DIRETTORE

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti