La "Casa del boia" a vicolo del Campanile

E’ un edificio quattrocentesco in cui sembra abbia abitato Mastro Titta

di Annalisa Venditti

 

Nel cuore di Borgo, nel vicolo del Campanile, che prende il nome dalla torre campanaria della vicina chiesa di Santa Maria in Traspontina, sembra abbia abitato Giovan Battista Bugatti, passato alla storia con il soprannome di Mastro Titta. Fu il boia più famoso della Roma pontificia, descritto dai suoi contemporanei come un uomo tranquillo, educato e ligio al dovere e così preciso da lasciare un elenco dettagliato di ogni "giustizia" compiuta nella sua onorata carriera, dal marzo del 1796 all’agosto del 1864: in tutto 516, per ognuna delle quali aveva ricevuto il compenso simbolico di un "papetto", ossia una moneta da due carlini, quella che il Belli considerava "la vera Lira romana".

Solitamente l’esecutore delle condanne doveva rimanere dalla parte destra del Tevere, come testimoniato dal proverbio "boia nun passa Ponte", un invito per ognuno a restarsene nella propria parte di mondo. Il boia attraversava il fiume solo per andare a giustiziare qualche condannato a piazza del Popolo, al Velabro, o a Campo de’ Fiori. In quel caso si diceva, abbastanza sinistramente, "Mastro Titta passa ponte".

Alcuni studiosi indicano come "casa del boia" un edificio quattrocentesco a tre piani, ai civici 4 – 5 del vicolo, la cui facciata reca le tracce di una splendida decorazione a graffito, attribuita dal Vasari a Virgilio Romano, che l’avrebbe realizzata nel 1520, "con alcuni prigioni e molte altre opere belle". Un’epigrafe ricorda i restauri eseguiti nel 1936 dal prof. A.M. Zamponi su interessamento di Gaetano Latmiral e con il finanziamento del Governatorato di Roma. Al primo piano si vedono quattro Daci prigionieri con sullo sfondo dei trofei di armi e il Guardiano di vacche addormentato assalito da Mercurio. Tra il primo e il secondo piano, si nota un anello a punte di diamante e tre penne di struzzo che fu l’emblema mediceo. Al secondo piano sono raffigurate quattro figure mitologiche femminili e arco con tre vacche. Al di sopra, ci sono vasi di frutta e leoni alati. All’ultimo piano si susseguono teste di leoni. La casa è stata restaurata anche nel 1980.

Secondo altri, Mastro Titta avrebbe abitato in una casa a questa adiacente.

Mastro Titta morì il 18 giugno 1868, rimanendo per il popolo la figura emblematica del boia di Roma. Non fu però l’ultimo ad esercitare tale "professione". Dopo il suo pensionamento, infatti, era stato sostituito da Vincenzo Balducci, suo aiutante fin dal 1850, che avrebbe continuato il "lavoro" fino al 9 luglio del 1870.

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti