HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

 

 

Arnaldo Marini, il bersagliere poeta

 

 

 

 

 

Il 9 febbraio scorso, durante la celebrazione del centosessantottesimo anniversario della proclamazione della Repubblica Romana, presso il Mausoleo Ossario del Gianicolo, Arnaldo Marini, bersagliere poeta, ha letto, tra l’apprezzamento generale, un suo componimento:

 

ER MONUMENTO A GARIBBARDI
di Arnaldo Marini

 

 

In ner passà lì sotto ar monumento

vedo ammischiasse er bronzo co la sorte,

mentre le statue, piene d’ardimento,

le sento de strillà: “O Roma o morte!”.

 

Stai dritto sopra ar Colle acconzagrato

da li Caduti der ‘Quarantanove,

e fai la guardia ar zangue sfortunato

che ancora tigne l’acqua quanno piove.

 

Tu ciaricòrdi er tempo de l’Eroi,

e le fanfare, e le bandiere ar vento;

e fai risuscità davanti a noi

 li pòri Morti der Risorgimento:

 

ècco, ce sò Mameli co Manara,

 li Berzajeri e li Garibbardini,

e tutti quelli che fecérno a gara

in ner lottà contro li papalini.

 

Ma Tu stai rivortato co la faccia,

 nun guardi ‘sta città repubbricana;

certo che a Roma mo tira ‘n’ariaccia

come quer dì sur campo de Mentana

 

Amasti la Repubbrica Romana

mentre er distino nun portò vittoria,

ma er fiore de la Gente popolana

 campa co Te ner cèlo de la gloria.

 

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti