HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

Dovrebbe rimanere nel museo cerite durante l’Expò 2015
Il cratere di Eufronio è tornato a Cerveteri
 

 

E’ tornato a Cerveteri il Cratere di Eufronio, sottratto nel 1971 dai tombaroli e venduto al Metropolitan Museum di New York, che lo ha finalmente restituito all’Italia nel 2006. Dal 2009 era a Roma, nel Museo Etrusco di Villa Giulia. Ora è stato collocato – in prestito - al piano nobile del Museo nazionale Cerite, ospitato nella rocca duecentesca trasformata in castello dagli Orsini.
Il cratere, del 515 a. C., di impeccabile fattura, si presenta in tutta l’imponenza con i suoi 55 centimetri di diametro e gli oltre 45 centimetri di altezza. Due le scene raffigurate sul corpo del vaso. Quella principale è un episodio dell’Iliade: la morte di Sarpedonte, alleato dei troiani. Le personificazioni del Sonno e della Morte, sotto lo sguardo del dio Hermes, trascinano via dal campo di battaglia il cadavere.
Nella stessa sala sono reperti provenienti dalle aree della Banditaccia, Greppe di San Michele, Sorbo, Monte Abatone, Bufalareccia.
Secondo l’intenzione espressa dal ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, il cratere dovrebbe rimanere a Cerveteri anche durante l’Expo 2015.
Nel museo cerite era già in mostra da maggio una grande coppa attica a figure rosse eseguita da Onesimos, allievo di Eufronios, databile tra il 500 e il 490 a.C.
L’interno è decorato con alcuni episodi intensamente drammatici della caduta di Troia: nel tondo centrale il figlio di Achille, il feroce Neottolemo, avanza verso il vecchio Priamo per ucciderlo e getta dalle mura di troia, dopo averlo preso per i piedi, il piccolo Astianatte, nato da Ettore e Andromeda. Nel fregio più esterno due giovani, Acamante e Demofonte, liberano Aithra, l’ancella di Elena, quindi Aiace Olileo afferra per i capelli Cassandra, cui sta per usare violenza. La profetessa è quasi nuda e, tendendo supplichevole la mano verso l’aggressore, si stringe, invano, alla statua di Athena. Seguono un combattimento tra greci e troiani e una scena che vede protagonisti Elena e Menelao. Il marito tradito avanza minaccioso con la spada per trafiggere la sposa infedele, che lo aveva abbandonato per Paride, dando di fatto l’avvio alla decennale guerra di Troia. Un Eros alato, però, irrompe all’improvviso sulla scena, facendo nuovamente infiammare il cuore di Menelao dell’amore, mai sopito, per Elena: la spada cade dalla mano dell’eroe acheo.
All’esterno sono dipinte altre scene tratte dall’Iliade.
Sotto il piede della coppa è un’iscrizione etrusca, incisa quando il vaso, esportato dalla Grecia in Etruria, fu dedicato nel santuario di Hercle a Cerveteri. Nonostante alcune lacune, può essere interpretata come la più antica testimonianza epigrafica etrusca di un culto a Hercle.

 

di Alessandro Venditti
8 gennaio 201
5
© Riproduzione Riservata

 

 


CONCORSO LETTERARIO:
LA MIA ROMA - I EDIZIONE

 


Riflessioni su
Pier Paolo Pasolini

Roma

Città del Vaticano (RM)

www.vaticanstate.va

 

 

CENTRO DI PSICOTERAPIA
dott.ssa Mariolina Palumbo

PAGINA FACEBOOK
"Specchio Romano"

GARIBALDINI PER L'ITALIA

RISORGIMENTO ITALIANO

 

LETTERE AL DIRETTORE

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti