HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

 

E’ arrivato il tempo di cucinare la zucca

Le lontane origini di Halloween

Qualcuno storcerà il naso vedendo tornare la festa di Halloween, importata dagli Stati Uniti. Ma forse non tutti sanno che ha lontane origini celtiche ed è sorta per celebrare, forse intorno al 31 ottobre, l’ultimo raccolto. Il giorno era anche sacro alle anime dei morti, che si credeva tornassero in quell’occasione sulla terra. Quando i Romani entrarono in contatto coi Celti, identificarono questa festività con i Lemuria, che si tenevano a maggio e durante i quali veniva offerto il cibo ai defunti.

Anche quest’anno gli italiani se ne andranno alla ricerca di zucche spettrali, teschi, scheletri, scherzetti o dolcetti, costumi e addobbi, per un giro d’affari di parecchi milioni di euro. Certo, vista la crisi qualcuno rispolvererà i costumi degli anni passati o si ingegnerà a preparare in casa qualche dolce genuino, con un bel guadagno per il portafogli e per la salute.

Se si è svuotata una zucca per preparare una lanterna di Halloween, la polpa non va assolutamente buttata: ci si può fare un ottimo risotto. In un tegame capace si fa soffriggere nell’olio extravergine d’oliva un trito di cipolla, quindi si aggiunge la polpa di zucca tagliata a dadini, si sala e si lascia ammorbidire qualche minuto, con l’aggiunta di un mestolino di brodo vegetale caldo. Si versa il riso e si fa cuocere pian piano, allungandolo, man mano che si asciuga, con un mestolino di brodo vegetale bollente. Appena il riso è cotto, si completa con del parmigiano, si mescola un’ultima volta e si mette nei piatti.

Anche se non fa proprio parte della cucina tradizionale romana, la zucca da molto tempo si è imposta sulle nostre tavole, soprattutto nel periodo compreso tra la fine di ottobre e i primi di novembre. Per preparare un piatto semplice ma gustoso, con un coltello ben affilato si toglie la buccia alla zucca, quindi si taglia la polpa a fette alte circa un centimetro, da passare rapidamente nella farina. Si dispongono le fette su una teglia leggermente unta con olio extravergine di oliva, formando uno strato uniforme, sul quale si versa un trito composto da olio, aglio, prezzemolo, sale e abbondante pepe appena macinato. Si procede quindi a un secondo ed eventualmente un terzo strato, seguendo lo stesso procedimento, finché la zucca non è finita. Non resta che mettere la teglia nel forno ben caldo e lasciar cuocere a 180° per almeno una mezz’ora. La zucca è cotta quando fa una bella crosticina dorata. E’ ottima sia calda che fredda. Qualcuno aggiunge un rametto di rosmarino, ma non a tutti piace.

di Alessandro Venditti

31 ottobre 2013

 

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti