HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

In mostra 49 incisioni di Veljko Mihajlović

Konstantin ai Mercati di Traiano

Mille e settecento anni fa, nel 313, veniva emanato l’editto di Milano dall’Imperatore d’Occidente Costantino e dall’Imperatore d’Oriente Licinio. Si poneva così fine alle persecuzioni religiose e si proclamava la neutralità dell’Impero nei confronti di qualsiasi fede. Per i cristiani fu la libertà di culto. La chiamarono "pace" e cominciarono le costruzioni delle chiese e delle grandi basiliche. A questo cruciale periodo storico è dedicata una grande mostra, ai Mercati di Traino dal 28 novembre 2013 al 12 gennaio 2014, a cura di Jelena Jovanović: "Konstantin. L’editto di Costantino 1700 anni dopo".

L’esposizione consente la prosecuzione del dialogo intenso già iniziato tra Italia e Serbia, negli ultimi anni molto attiva nel proporre i suoi migliori artisti contemporanei. E’ anche un’occasione per conoscere la storia della Serbia che, oltre a Costantino, ha dato i natali a ben 15 Imperatori Romani.

In esposizione – per la prima volta in Italia – 49 incisioni ad acquatinta dell’artista serbo Veljko Mihajlović, tratte dallo straordinario ciclo di Costantino ed Elena, realizzato nel 2012. L’artista nelle sue opere si è ispirato agli affreschi delle chiese e dei monasteri che ha visitato in Serbia, Italia, Monte Athos, Albania, Macedonia,  Montenegro, Romania, Ungheria.

Non poteva mancare l’interpretazione dell’artista dell’Arco di Costantino trasmessa attraverso toni sfumati e vellutati, più vicini all’acquarello che all’acquatinta.

Ci sono anche cinque stampe dedicate alle scene più famose della Sala di Costantino delle Stanze di Raffaello ai Musei Vaticani.

di Alessandro Venditti

21 novembre 2013

 

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti