HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

Premiate le tele di Olga Mastronardi

Concorso  di arti visive

Nei giorni scorsi si è tenuta allo Studio d’arte Sant’Agata (Via Sant’Agata dei Goti, 27) la premiazione del concorso di arti visive "Meravigliosamente a Roma".

Alla cerimonia, che si è svolta con il patrocinio del Municipio Roma centro storico, hanno partecipato oltre ai venti artisti in gara (tra cui Luciana Adami, Loretta Antoniozzi, Marino Anna, Marcello Stazi e Olga Mastronardi) anche il Maestro Fausto D’Orazio, la giornalista Mara Ferloni, Antonio Mazza, direttore de "La voce di tutti", il critico d’arte Giuseppe Giannantonio e il giornalista e scrittore Franco Calabrò. La direzione artistica dell’evento è stata affidata al prof. Alfredo Borghini.

Ad aggiudicarsi il primo posto sono state due tele dell’artista calabrese Olga Mastronardi, romana d’adozione, due paesaggi che ben spiegano la sua continua sperimentazione, coltivata con una certa ritrosia a un’ostentata visibilità e la timidezza di chi considera l’arte vero e proprio cibo dell’anima.

Colpisce in queste due opere (in foto, vicino alla Mastronardi) l’importanza data alla scelta del colore. L’albero tropicale – richiamando la forza atavica di un ulivo che alla terra si lega e alla terra riporta – è dominato dal blu. Come un corpo fatto di muscoli plastici e guizzanti si protende verso il mare. La sua ostinazione è una volontà coraggiosa che lo spinge alla vita e sembra ricordare le atmosfere di certe novelle di Giuseppe Verga, in cui personaggi, impastati di terra e di storia, sono la necessità di un hic et nunc, comunque sia e nonostante le difficoltà. L’altro quadro, sempre un olio, rappresenta una veduta toscana, un paesaggio che l’artista confida di aver visto durante un viaggio in auto. Dalla suggestione della visione, all’estemporaneo disegno, Olga riporta la volontà di lavorare sul soggetto attraverso il colore. Così il ricordo sprofonda nei toni rosati, aranciati della sua tavolozza in una veduta dalla pennellata onirica, romantica, sognante. La forza di questa artista è nella positiva aurea con cui riveste i suoi lavori, una spinta costruttiva volta al bello e alla rappresentazione entusiasta del meraviglioso spettacolo della natura. Attendiamo presto di vederla in esposizione con una personale che sappia cogliere i punti salienti del suo discorso poetico, la scelta accurata del linguaggio e l’intima ricerca.

di Annalisa Venditti

23 gennaio 2013

 

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti