HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

 

Si venera in Santa Maria in Cosmedin

La testa di San Valentino

Una tradizione ormai consolidata vede in San Valentino il protettore degli innamorati, anche se non se ne conoscono bene i motivi. Certo, non è da trascurare il fatto che nell’antica Roma il 15 febbraio si celebrava una movimentata festa della fertilità, i lupercalia. C’è anche chi si vorrebbe rifare a una leggenda medioevale, secondo cui il 14 febbraio inizierebbe il periodo di accoppiamento degli uccelli.

In ogni caso, a Roma c’è più di un luogo legato alla memoria di San Valentino. Innanzi tutto la Catacomba sulla via Flaminia, dove il culto del martire è ora rafforzato da un’epigrafe marmorea del V secolo a. C. recuperata qualche anno fa dal reparto operativo del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio culturale. In essa, un medico di nome Pastor chiedeva la protezione di San Valentino, esprimendo il proprio desiderio di essere seppellito il più vicino possibile alla sua tomba.

C’è poi la chiesa di Santa Maria in Cosmedin, assediata negli orari di apertura dagli immancabili turisti che fanno la fila per infilare la mano nella "Bocca della verità", in realtà un grande mascherone rotondo in marmo di epoca romana, che doveva costituire il chiusino di una cloaca. Sotto la chiesa è una suggestiva cripta, scavata per volere di papa Adriano I nel basamento dell’Ara Massima di Ercole, di cui si vedono alcuni blocchi di tufo dell’Aniene. Tra le reliquie contenute nell’altare della cripta, montato su colonnine, è un teschio ritenuto di San Valentino, che il 14 febbraio viene mostrato ai fedeli cinto da una corona di rose.

di Annalisa Venditti

13 febbraio 2013

 

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti