HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

 
La messa cantata dell’8 aprile 1849 alla presenza di Mazzini

Una Pasqua senza Pontefice a Roma

Quella del 1849 fu una Pasqua fuori dall’usuale, celebrata nella Roma repubblicana. Dal 24 novembre dell’anno precedente Pio IX si era rifugiato a Gaeta, ma il popolo non rinunciò alla celebrazione religiosa, anche se un po’ contaminata dai nuovi avvenimenti politici. Secondo quanto racconta Nicola Roncalli, "nella mattina del giorno di Pasqua" – era l’8 aprile - "l’Assemblea, il Triumvirato ed i ministri si recarono a San Pietro per assistere ad una solenne messa cantata" celebrata "dall’abate Scoppola, cappellano militare. V’intervenne la truppa di ogni arma con sei pezzi di cannone". A sentire il reazionario Balleydier, invece, il celebrante sarebbe stato l’abate Spada, assistito dal padre Ventura e dal celebre padre Gavazzi. La Basilica era rivestita dei suoi più ricchi paramenti, con splendide tappezzerie rosse.

Dopo la funzione, continua Roncalli, l’abate Scoppola si affacciò dalla loggia sulla facciata, parata con il tricolore, e, circondato dalle bandiere, impartì la benedizione al popolo e alle truppe sulla piazza. Quindi, "allo sparo delle artiglierie di Castello ed al suono a fesa delle campane, le truppe posero sulle baionette i shako", ossia i berretti militari, in segno di letizia, cui risposero i deputati affacciati ai finestroni agitando fazzoletti e cappelli.

Si può lasciare la conclusione al Balleydier, secondo il quale "Mazzini venne a mostrarsi al popolo e a ricevere, in sua qualità di gran sacerdote delle società segrete gli omaggi che non erano dovuti che al sommo Pontefice. La celebrazione della settimana santa, nel 1849, apparterrà alla memoria dei più nefasti giorni di Roma", è l’acida sentenza del francese.

di Cinzia Dal Maso

04 aprile 2012

 

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti