HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

 

E’ stata donata dagli eredi a Roma Capitale

Esposta a Villa Torlonia la Collezione Ingrao Guina

Il complesso di Villa Torlonia (via Nomentana 70) diventa ancora più ricco e interessante con la collezione di Francesco Ingrao e Ksenija Guina, donata dagli eredi a Roma Capitale ed esposta in permanenza nel Casino Nobile, presso il Museo della Scuola Romana, grazie all’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale-Sovraintendenza ai Beni Culturali. Organizzazione e servizi museali sono di Zètema Progetto Cultura.

Molte opere della collezione, tra cui un piccolo ma importante nucleo di Alberto Burri, recano la dedica dell’artista. La raccolta, infatti, fu frutto dei rapporti di amicizia intessuti da Ingrao, sia tramite la professione di medico sia frequentando gli splendidi e vitali luoghi della scena artistica romana, come Villa Massimo, dove lavoravano Marino Mazzacurati e Renato Guttuso, l’Aventino dov’era lo studio di Corrado Cagli e via Margutta di Pericle Fazzini e Giovanni Omiccioli.

Nel corso degli anni Ingrao ha intensificato questo tipo di contatto professionale e umano, ampliando i rapporti con i pittori e gli scultori e stabilendo con molti di loro - Renato Guttuso, Giulio Turcato, Mirko Basaldella, Mario Mafai - legami di regolare frequentazione e amicizia. Altro paziente amico fu Renzo Vespignani, il giovane pittore delle periferie romane. Corrado Cagli soleva dire di essersi ispirato, per alcune sue opere, ai batteri al microscopio che aveva visto quando andava a trovare Ingrao al Forlanini.

Gli studi, i luoghi d’incontro, le abitazioni degli artisti, diventano ambienti familiari per Francesco Ingrao anche grazie a Moroello Morellini, medico, scultore e grande appassionato d’arte, di cui era assistente a inizio carriera e con cui aveva instaurato un profondo legame di amicizia. Il loro studio privato era frequentato dagli artisti che i due medici, negli anni difficili del dopoguerra, assistevano sia con l’attività medica sia aiutandoli nella vendita delle loro opere.

In questo stesso periodo, Morellini amplia e completa la sua collezione mentre Francesco Ingrao e la moglie Ksenija iniziano la loro, saltando la mediazione delle gallerie e dei mercanti e affidandosi ai propri rapporti con gli artisti. Nel tempo la loro raccolta si arricchisce di almeno un centinaio di opere continua a crescere considerevolmente negli anni ‘70 e ’80. Dopo la scomparsa di Francesco, il 27 settembre 2003, e di Ksenia, nel febbraio 2010 Mirjana Jovic (sorella di Ksenija) dona a Roma Capitale trentacinque opere della collezione Ingrao – Guina.

In questa preziosa raccolta si svela un aspetto particolare del mecenatismo del Novecento, che ha origine nella passione per l’arte e nell’interesse umano verso l’artista. Un importante patrimonio che la sinergia tra donatore privato e istituzione pubblica consente oggi di non disperdere e che riassume in sé la storia del collezionismo romano negli anni del nostro dopoguerra e la sua intensa e straordinaria stagione artistica.

"C’è l’arte nel sangue degli Ingrao", ha spiegato Umberto Broccoli, Sovraintendente ai Beni Culturali di Roma Capitale. "Non solo politica e impegno sociale. Pietro, direttore de L’Unità e già presidente della Camera, non ha mai nascosto il suo amore per cinema e letteratura. Leopardi fra tutti. Suo fratello Francesco, e la moglie Ksenija, conosciuta in sanatorio durante la malattia ai polmoni, condividono invece la passione per la pittura. Veri e propri mecenati che raccolgono, in tanti anni di vita insieme, tele, schizzi, bozzetti. Primario del Forlanini, Francesco coltiva l’impegno civico (impronta di famiglia) in maniera però del tutto personale: coniugandolo con il mestiere di medico. Quello con i pittori è uno scambio professionale. Assiste e cura artisti squattrinati e questi per ripagarlo gli regalano l’ultima creazione. Oppure tiene le tele degli amici nello studio e le "propone" ai pazienti più facoltosi come un buon affare. Un modo sobrio e dignitoso per aiutare quei nomi ancora sconosciuti ai più che diventeranno poi Mirko Basaldella, Corrado Cagli, Renato Guttuso.

A loro, dai primi incontri dopo la guerra e per tutta la vita, lo legheranno semplice conoscenza, stima e apprezzamento professionale, inclinazione all’arte, e più spesso vera e propria amicizia. Con alcuni trascorre serate appassionate a discutere di pittura a cenare piacevolmente. È una familiarità forse dettata dall’attitudine alla compagnia delle origini a Lenola (con Pietro e Francesco bambini vivevano, oltre ai genitori ed altre due sorelle, due cugine rimaste orfane). Un’intimità pregna di contenuti di livello e di uno scambio tra artisti che l’epoca ancora consente".

di Cinzia Dal Maso e Antonio Venditti

05 ottobre 2011

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti