HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

 

In prestito fino al 15 gennaio il bronzo del Kimbell Art Museum

La testa di Apoxyomenos dal Texas al Campidoglio

Il più celebre Apoxyomenos che noi conosciamo è certo quello realizzato da Lisippo intorno al 320 a.C., noto soprattutto dalla superba replica in marmo dei Musei Vaticani, rinvenuta a Trastevere nel 1849. Il braccio che si protende in avanti in direzione dello spettatore immerge la figura in uno spazio tridimensionale. Tutta la statua è inclinata in avanti, mentre l’intero equilibrio della composizione e il bilanciamento degli arti sono dinamici e instabili. L’originale era stato portato a Roma e sistemato da Agrippa davanti alle sue terme in Campo Marzio. Tiberio, sempre secondo quanto riferisce Plinio, era talmente affascinato dalla scultura che la fece trasportare nella sua camera. Il popolo romano fu talmente contrariato da tale decisione, che inscenò pubbliche proteste, richiedendone a gran voce la restituzione nel teatro: alla fine l’Imperatore fu costretto, suo malgrado, a rimettere a posto la statua.

Un altro tipo statuario può essere attribuito a un seguace di Policleto, che secondo l’archeologo Paolo Moreno potrebbe essere Dedalo di Sicione. Il giovane atleta è rappresentato anch’esso in piedi, mentre, con la testa leggermente abbassata, è intento a passare lo strigile sulla coscia. La posizione del capo e degli arti indicano la concentrazione dell’atleta nel gesto e denunciano una dimensione intima di chi è ancora immerso nella prova agonistica. Questo tipo statuario è noto da una scultura in bronzo da Efeso ora a Vienna, dal bronzo rinvenuto in mare presso l’isola di Lussino in Croazia, dalle statue degli Uffizi, di Castelgandolfo e di Boston da Frascati.

Le caratteristiche di questo atleta in riposo sono espresse, anche nei particolari, dalla la testa in bronzo del Kimbell Art Museum di Fort Worth in Texas, che fino al prossimo 15 gennaio romani e turisti potranno ammirare ai Musei Capitolini, dove si trova in prestito in cambio del dipinto "La Buona Ventura" di Caravaggio, attualmente inserito nel percorso della mostra "Caravaggio and his followers".

La testa è stata scoperta intorno alla metà del XVIII secolo, quando venne acquistata dal collezionista e senatore veneziano Bernardo Nani (1712-1761) per il suo palazzo di San Trovaso, ricco di antichità provenienti dalla Dalmazia e dalla Grecia. Fu probabilmente lo stesso Nani a far montare la testa su un busto bronzeo drappeggiato di epoca rinascimentale, realizzato all’inizio del XVI secolo da una bottega veneziana. Il bronzo figura nell’incisione di Bartolotti edita nel 1761 nel volume Monumenta Peloponnesiaca di Paolo Maria Paciaudi.

Dopo la dispersione della raccolta Nani, la scultura giunse in Francia e nel 1956 fu posta in vendita tra le opere della collezione di Lucien Guiraud, quindi acquistata dal collezionista Hans Calmann (1899-1982) e messa all’asta alla sua morte da Sotheby’s a New York. Nel 2000 è pervenuta Kimbell Art Museum, dove di recente la testa è stata separata dal busto ed esposta su un nuovo supporto.

Anche per questo prezioso reperto è disponibile l’innovativa tecnologia NFC, di cui i Musei Capitolini si sono dotati per primi in Italia e che fornisce informazioni sulle opere esposte tramite smartphone. Il servizio, nato da un’idea di Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali in collaborazione con Zètema Progetto Cultura, è stato affidato a Samsung Electronics Italia dopo la sua risposta positiva ad un’indagine condotta tra i grandi produttori del settore.

I visitatori che dispongono di uno smartphone dotato di tecnologia NFC di qualsiasi produttore possono usarlo direttamente, mentre chi non lo ha può ritirare in biglietteria i terminali adatti messi a disposizione da Samsung senza alcun costo aggiuntivo sul biglietto. La trasmissione delle informazioni funziona in modo automatico, basta avvicinare lo smartphone al tag posizionato accanto ad un’opera per far aprire il suo browser web con la pagina di approfondimento: titolo e autore quando conosciuto, descrizione e interpretazione, datazione, contesto artistico e via dicendo.

Il servizio, già operativo, per il momento interessa circa 300 opere nelle sale di Palazzo Nuovo, Palazzo dei Conservatori e Pinacoteca.

di Antonio Venditti e Cinzia Dal Maso

30 novembre 2011

 

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti