HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

Omaggio di Gigliola Funaro al drammaturgo Aldo Nicolaj

El muchacho de Buenaventura

Ha riscosso un grande successo la proiezione, al Teatro Valle occupato, la proiezione del film-documentario di Gigliola Funaro "El muchacho de Buenaventura", un omaggio al drammaturgo piemontese Aldo Nicolaj. 

Abbiamo chiesto a Gigliola Funaro la ragione di questo titolo in lingua straniera. "I motivi sono due", ha spiegato. "Innanzi tutto significa che è un ragazzo dalla buona sorte, perchè Nicolaj ha avuto fortuna e la sua fortuna è nata all'estero, in Colombia, quando all'età di 30 anni per caso ha incontrato a Buenaventura il famoso giornalista del Tiempo che, colpito dalla sua cultura, ha scritto un grande articolo su di lui in terza pagina, intitolandolo, appunto, "El muchacho de Buenaventura". Notato per questo dall'ambasciatore italiano, è poi diventato per 5 anni addetto culturale all'Ambasciata Italiana in Guatemala.

"Il secondo motivo del titolo – continua la regista - è che Nicolaj è apprezzato e rappresentato ancora oggi in tutto il mondo (tanto da vincere nel 1997 il premio SIAE come autore italiano dell'anno più rappresentato all'estero), piuttosto che in Italia, dove ha sì ricevuto molti premi ed è stato interpretato dai più grandi attori, come  Gianmaria Volontè, Gianni Santuccio, Paola Borboni, Paolo Poli, Corrado Pani, Rossella Falk, Marisa Fabbri e molti altri, ma ha avuto anche periodi di silenzio e di indifferenza".

Gigliola Funaro è partita da un'intervista realizzata da lei stessa al drammaturgo nel 2003, sviluppata cinematograficamente  con alcune scene recitate da attori, che fanno emergere non solo la poetica delle sue commedie più interessanti, ma anche episodi della sua vita in America Latina.

E’ così che il documentario diventa un film, interpretato da attori professionisti, tra i quali  Mariano Rigillo, Cicci Rossini, Renato Scarpa, Paolo Poli, Paolo Ferrari, Ivana Monti, Loredana Martinez, Silvia Siravo e altri.

Personaggi di diverse commedie si incontrano e si confrontano, lasciando trasparire i temi principali di Nicolaj: l'inadeguatezza dell'animo umano, la terza età, l'emancipazione femminile, la critica del consumismo, ma soprattutto il rapporto tra Aldo Nicolaj e l'acqua: in molte sue commedie si parla di mare, di fiumi, di laghi, di torrenti (Il Mondo d'Acqua, Ricci di mare, Amleto in salsa piccante, gli Atatuco, Una Stella di mare, Classe di Ferro, Una famiglia molto unita, Due gatte randagie, ecc.). L’acqua per Nicolaj rappresenta il rifugio e la liberazione da una società opprimente.

I personaggi fatti emergere dalla regista dialogano su una spiaggia o dentro un torrente o parlano dell'elemento acqua, che ricorre continuamente a livello visivo e permea del suo fascino il film.

La sorte ha voluto che Aldo Nicolaj scomparisse in solitudine il 5 luglio del 2004 ad Orbetello, nella casa dove nell’ultimo periodo della sua vita ha soggiornato e scritto per diversi mesi all'anno, vicino al mare tanto amato.

di Annalisa Venditti

23 novembre 2011

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti