HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

 

Uno spazio per la Repubblica Romana e la Memoria Garibaldina

Porta San Pancrazio
si trasforma in museo

Nel giugno del 1849, l’eroica ma vana difesa della neonata Repubblica Romana - messa sotto assedio dalle truppe francesi capeggiate dal generale Oudinot – ebbe come fulcro la porta San Pancrazio, che alla fine dei combattimenti era ridotta un cumulo di macerie. Dopo la restaurazione del governo pontificio, Pio IX incaricò della sua ricostruzione l’architetto Virginio Vespignani, che nel 1854 la eresse nelle attuali forme, sobrie e solenni.

Sicuramente non c’era un luogo più adatto di questo a ospitare il Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina, entrato a far parte del Sistema Musei Civici di Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali, gestito da Zètema Progetto Cultura.

Il complesso monumentale di Porta San Pancrazio non solo è stato ripulito all’esterno, ma è stato recuperato all’interno in ragione dei nuovi allestimenti multimediali del museo, pur nel rispetto delle caratteristiche architettoniche e storiche.

Il percorso espositivo si snoda lungo i quattro piani dell’edificio raccontando le vicende storiche della Repubblica Romana e della tradizione garibaldina, attraverso busti, dipinti, incisioni e cimeli, ma soprattutto grazie a plastici e a un ricchissimo apparato multimediale, per guidare anche i visitatori più giovani alla scoperta dei luoghi, delle date e dei principali protagonisti dei fatti di un periodo di grande fermento politico. Sala dopo sala è così possibile ricostruire l’evoluzione degli eventi che portarono dai moti europei del 1848, passando per la fase liberale di Pio IX, alla precipitosa fuga del pontefice a Gaeta e alla proclamazione della Repubblica Romana sino al suo drammatico epilogo nel luglio 1849, a conclusione dei durissimi scontri che videro le truppe romane opporsi alle soverchianti forze dell’esercito francese accorse in aiuto del Papa.

I momenti salienti della vita della Repubblica Romana sono rievocati attraverso incisioni e bandi storici dell’epoca, mentre i protagonisti rivivono grazie a una raccolta iconografica di dipinti e stampe, oltre a video interattivi; sfogliando un album fotografico virtuale, è invece possibile ripercorrere le storie degli eroi immortalati nelle erme del Gianicolo.

Nel salone al secondo piano - l’ambiente più grande e significativo del complesso - in un video di forte impatto emotivo scorrono le immagini dell’assedio con cui i Francesi strinsero la città tra la primavera e l’estate del 1849, mentre un’animazione che parte dalle foto e dal grande panorama dipinto dal belga Léon Philippet, dà la suggestione della battaglia del 1849 vista da Villa Savorelli, l’attuale Villa Aurelia, quartier generale di Garibaldi. Il panorama si compone di 12 tele - conservate presso la Città di Seraing in Belgio – che, posizionate una accanto all'altra, danno il senso di un’immersione totale nello spazio. Nel plastico del Gianicolo è possibile visualizzare i luoghi e i monumenti chiave dell’epopea, dal tratto di mura a destra e a sinistra della porta a villa Pamphili, al casino dei Quattro Venti, dalla villa del Vascello al fontanone dell’Acqua Paola e al complesso di San Pietro in Montorio.

Le ultime sale sono dedicate ad alcuni dei principali protagonisti che persero la vita nella difesa della Repubblica Romana, come Luciano Manara o Goffredo Mameli, e alla Costituzione della Repubblica Romana, testo di straordinaria modernità emanato con grande fierezza in Campidoglio quando le truppe francesi erano già entrate nella città.

Il percorso di visita prosegue nell’altro corpo dell’edificio, dove sono esposti divise, cimeli, dipinti, armi e ricordi fotografici, che testimoniano la continuità di vita della tradizione garibaldina, protagonista di molta storia del XX secolo.

Il percorso è completato da due video scritti e diretti da Leonardo Petrillo: nella Sala Pio IX, Massimo Wertmuller nei panni di Ciceruacchio è impegnato in un immaginario dialogo con il Pontefice mentre nella Sala dei Giovani Patrioti sei attori raccontano le gesta di altrettanti eroi: Nino Costa (Luca Mannocci); Giovanni Nicotera (Andrea Riso); Goffredo Mameli (Riccardo Floris); Luciano Manara (Giulio Forges Davanzati); Andres Aguyar (Ludgero Dos Santos) e Cristina Trivulzio Belgioioso (Evita Ciri).

Gli interventi di recupero e valorizzazione dell’edificio sono stati finanziati dall’Unità Tecnica di Missione della Presidenza del Consiglio dei Ministri e condotti dall’area progettazione di Zètema Progetto Cultura in collaborazione con Studio Next Urban Solution sotto la supervisione della Sovraintendenza ai Beni Culturali di Roma Capitale.

di Antonio Venditti

22 marzo 2011

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti