HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

 

 

Torna la musica internazionale di "Rock in Roma"

Ippodromo delle Capannelle,
non solo corse di cavalli

Alle Capannelle un tempo c’erano solo alcune povere capanne, tipiche della campagna romana, che hanno finito per dare il nome a questa zona ad appena 12 chilometri dal centro di Roma. Qui, davanti ai ruderi dell’acquedotto Claudio e con le montagne d’Abruzzo e i colli Albani sullo sfondo, nell’Ottocento si tenevano seguitissime battute di caccia alla volpe, finché la Società Corse in Roma inaugurò il nuovo Ippodromo, gioiello di tecnica e di architettura, progettato dall’architetto Vietti Violi e realizzato da Giuseppe Tudini, con  quattro ampie e comode tribune. Da allora il nome Capannelle rievoca immediatamente le corse dei cavalli e il loro variopinto e appassionato pubblico. Da qualche anno, però è anche sinonimo di musica: chiusa la stagione ippica, il comprensorio si trasforma in un grande villaggio dedicato ai giovani, con Rock in Roma, uno dei più importanti eventi musicali europei, che coinvolge ogni sera migliaia di persone, portando nella capitale i principali artisti del panorama italiano e mondiale.

Per l’edizione 2011 si prevede una serie di concerti-evento con i grandi del rock mondiale: dalla prima data italiana di Ben Harper e Robert Plant (in una sola serata, il 19 luglio, in due diversi live-set) ai Jamiroquai, Moby e Slash, che chiuderà la rassegna; dagli Skunk Anansie al “live” dei Chemical Brothers (il 13 luglio) e ai Dream Theater, con ospiti d’eccezione a supporto. Non potevano mancare gli italiani, a cominciare dall’attesissimo concerto di Franco Battiato pensato esclusivamente per il “Rock in Roma”, per continuare con il sound reggae, dub e partenopeo degli Almamegretta, con Caparezza, Modà, Elio e le Storie Tese, Daniele Silvestri, Alessandro Mannarino.

Ricco il programma di giugno del Festival, prodotto dalla The Base S.r.l., con la direzione artistica di Sergio Giuliani e Maxmiliano Bucci: sabato 18, i “30 Seconds to Mars”, gruppo rock statunitense dei fratelli Leto,  vincitori del “Best Rock” agli ultimi Ema di Madrid; martedì 21 una delle band di punta del nuovo scenario metal contemporaneo, gli “Avenged Sevenfold”.  Matthew Shadows e compagni tornano in Italia forti del successo planetario di “Nightmare”, loro ultimo album. Giovedì 23 è in programma il concerto di Alessandro Mannarino, che proporrà le canzoni del suo nuovo album, “Supersantos”. Mannarino, considerato un cantastorie, proprio da Roma, la sua città, ha tratto ispirazione per raccontare le storie tragicomiche dei mille volti della “capitale” e della sua gente, miscelando, nei testi, l’italiano ed il romanesco. Mercoledì 29 si esibiranno i “Korn”. La band californiana capitanata da Jonathan Davis (voce), e attualmente composta da James “Munky” Shaffer (chitarra), Reginald “Fieldy” Arvizu (basso), Ray Luzier (batteria) ha venduto più di 30 milioni di dischi, di cui 17 milioni nei soli Stati Uniti. Nel 2010 è uscito il loro ultimo album, “Korn III - Remember who you are”. Il concerto sarà arricchito da special guest. Giovedì 30 sarà la volta di una delle migliori live band italiane, i “Subsonica”, reduce dal successo dello scorso 7 aprile al Palalottomatica. I loro concerti riescono a trasformare palazzetti e arene in enormi “dancefloor”. Il gruppo riproporrà, oltre ai suoi più grandi successi, i brani tratti dall’ultimo album, “Eden”.

A seguire, un mese di luglio veramente pieno di sorprese.

Quest’anno, poi, “Rock in Roma” sarà caratterizzato dal binomio musica – natura, grazie alla valorizzazione della grande area verde del Parco dell’Ippodromo, dove il pubblico dei concerti potrà vivere serate di grande rock, di slow food e mostre sulla cultura internazionale.

Il percorso di accesso all’area dei concerti sarà adibito a mostra fotografica. Gigantografie e didascalie a margine racconteranno la cultura e il costume di intere generazioni di artisti e di pubblico, dagli anni Cinquanta a oggi.

Lanciata con ottimi risultati lo scorso anno, la raccolta differenziata è confermata nella nuova edizione: grazie alla collaborazione con HippoGroup Roma-Capannelle, il festival dedicherà ancora più attenzione all’ecologia ampliando l’idea della raccolta differenziata nell’area dei concerti affinché l’Ippodromo diventi sempre più vivibile in estate, quale centro di progettualità culturale, sportiva ed ecologica.

Gli organizzatori di “Rock in Roma” pensano anche al futuro, progettando per le prossime edizioni  dei “workshop” pomeridiani con gli artisti protagonisti del festival e, per valorizzare l’esperienza di questi anni, prevedendo l’attivazione di “Corsi di Management dello Spettacolo e degli Eventi Culturali” per i ragazzi che vorranno cimentarsi in alcune delle professionalità che ruotano attorno alla musica.

di Alessandro Venditti

14 giugno 2011

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti