HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

 

In una mostra di Agostinetto le foto salvano ciò che è destinato a scomparire

Catalogo delle cose illuminate numero uno

"Sono appassionato delle cose che si vedono. Provo compassione per le cose destinate a scomparire, "fissandole" con un'istantanea forse le salvo", spiega Maurizio Agostinetto, nella cui attività fotografica il "ribaltamento di consuetudine" è l’obiettivo principale, per un percorso artistico in cui le immagini concretizzano il sogno e il mito: le idee sono prima nate nella mente e in seguito catturate attraverso l'obiettivo.

Nel "Catalogo delle cose illuminate" - alla Sala S. Rita (via Montanara 8) dal 9 febbraio al 24 marzo - con la promozione dell’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale in collaborazione con Zètema Progetto Cultura - Maurizio Agostinetto espone "un catalogo puramente personale e arbitrario delle ‘cose illuminate’ nel tentativo se pur parziale di ‘salvarle’ prima che una lieve variazione della luce, una pioggia, o il variare del mio punto di vista le faccia scomparire per sempre".

In esposizione 52 soggetti visti ognuno in 7 variabili, per un totale di 364 istantanee scattate durante un viaggio di 860 chilometri in bicicletta lungo il cammino di Santiago de Compostela, nella primavera del 2009. "Mi sono aggregato, gregario, a quel popolo di camminanti che da secoli percorre quel cammino ognuno con il suo passo, ognuno con il suo perché", racconta Agostinetto.

L’artista inventa una personale e ironica classificazione dei propri scatti, immaginando un gioco complesso e affascinante con i visitatori della mostra: coesistono più possibilità di interpretazione tra titolo e immagine stessa e - accanto a didascalie che rimandano a oggetti o situazioni realistiche - si trovano titoli astratti per situazioni o oggetti del tutto ordinari. Toccherà agli spettatori riempire questo scarto.

Dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18. Ingresso gratuito. Per informazioni: tel. 060608, 0667105568, oppure www.salasantarita.culturaroma.it

di Annalisa Venditti

8 febbraio 2011

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti