HomeSpecchio RomanoPubblicazioniSiti amiciMotore di ricercaAudio & VideoSpigolature Pagine PDF

 

La triste storia di Annone,
l’elefante bianco di Leone X

All’inizio del Cinquecento il re del Portogallo ricevette in dono dal Pakistan un elefante bianco e un rinoceronte. La notizia fece rapidamente il giro d’Europa, suscitando la curiosità generale. Albrecht Dürer si fece fare un’accuratissima descrizione del rinoceronte e, senza averlo mai visto, lo raffigurò in una xilografia destinata a divenire famosa.

In seguito, entrambi gli animali vennero regalati al papa Leone X e inviati via mare alla volta di Roma. La nave con il rinoceronte naufragò, portando il suo prezioso carico sul fondo del mare, mentre l’elefante giunse a Roma sano e salvo e fu accolto con i più grandi onori, il 12 marzo 1514. Venne chiamato Annone, come uno dei generali di Annibale. Fu portato come in processione per le strade di Roma, tra due ali di folla entusiasta, insieme con due leopardi, una pantera, pappagalli, rari tacchini, cavalli indiani riccamente bardati. Il pachiderma aveva sulla groppa un palanchino a forma di argenteo castello, contenente un cofano con i doni reali, tra cui paramenti pontificali ricamati in perle e pietre preziose e monete d'oro coniate per l'occasione. Il Papa attendeva l’arrivo del corteo a Castel Sant'Angelo. Giunto al suo cospetto, Annone si inginocchiò per tre volte in segno di omaggio, poi, obbedendo a un cenno del suo custode indiano, aspirò l’acqua con la proboscide da un secchio e spruzzò non solo i Cardinali, ma anche la folla dei curiosi.

Leone X gli si affezionò incredibilmente e lo utilizzò in varie processioni trionfali, dove tutti poterono ammirare non solo la mole eccezionale, ma anche la disciplina dell’animale. Il popolo non si stancava di andarlo a vedere nella grande stalla del Belvedere che il Pontefice aveva fatto costruire apposta per lui e dove era affidato alle cure di un ciambellano pontificio, Gian Battista Branconi Dell'Aquila. Forse, però, il clima di Roma era troppo umido per il povero Annone, che si ammalò di una gravissima forma di angina e morì agli inizi di giugno del 1516, nonostante le cure premurose cui fu sottoposto. Il Pontefice ne fu sinceramente addolorato: volle che fosse seppellito in Vaticano e ordinò a Raffaello Sanzio un dipinto che ne conservasse la memoria, andato però perduto. Fortunatamente Francisco di Ollanda, tra il 1539 e il 1540, lo riprodusse sul suo taccuino, trascrivendovi anche la toccante epigrafe.

Restano, comunque, diverse raffigurazioni di Annone. Giovanni da Udine lo ricordò in una fontana sistemata in una nicchia presso la terrazza di Palazzo Madama, con la testa marmorea che getta acqua dalla proboscide in un antico sarcofago romano, oltre che in uno stucco delle Logge Vaticane. Nelle Stanze di Raffaello, sul battente destro di una porta della Sala della Segnatura, fu riprodotto in un fine intaglio, forse su disegno di Raffaello, da fra’ Giovanni da Verona. Si può riconoscere Annone anche nel fregio del portico di Palazzo Baldassini, in via delle Coppelle 35.

di Cinzia Dal Maso

23 novembre 2004

 

WWW.SPECCHIOROMANO.IT - Rivista telematica di Cultura
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 224 / 2013 del 25 settembre 2013
Copyright 2003-2017 © Specchio Romano  - webmaster Alessandro Venditti

Contatore siti